Outdoor education

Outdoor education

L’educazione si-cura all’aperto

Leggi tutto...

A partire da
15,00 €
VOEJA746
Copertina Flessibile - Edizione 2014
167 vol. da 1 vol.
15,00 €
Descrizione

La condizione dell’infanzia, soprattutto nei contesti urbani della nostra società, è fortemente connotata da tempi programmati in spazi chiusi. I bambini che vivono esperienze libere di gioco e di socialità all’aperto sono pressoché invisibili. Ciò determina un’oggettiva crisi dell’educazione che riguarda lo sviluppo di un vasto arco di competenze psicomotorie, cognitive ed emotive dei bambini. Con l’Outdoor Education (OE) si defi nisce a livello internazionale un orientamento pedagogico che intende favorire le esperienze in presa diretta con l’ambiente: dal bisogno naturale nell’infanzia di esplorare e mettersi alla prova, ai progetti di educazione ambientale. I temi del rischio, della salute, del movimento richiedono un profondo ripensamento degli spazi di vita scolastici e urbani, e della professionalità educativa. Il primo convegno nazionale sull’OE, che si è tenuto a Bologna nel 2013, ha dato lo spunto per questo volume dove i temi del rischio e della responsabilità in educazione, della salute e del bisogno di movimento nell’infanzia, della cultura e della formazione, che hanno l’outdoor come ambiente di riferimento, dialogano con le esperienze educative e con la ricerca psicopedagogica.

INDICE

Introduzione. Necessità e scentificità dell’Outdoor education, di Roberto Farné e Francesca Agostini

PARTE PRIMA. RAGIONI

Capitolo primo. Per non morire di sicurezza: l’intenzionalità pedagogica del rischio in educazione, di Roberto Farné
Capitolo secondo. La salute del bambino fra ansie e prevenzione, di Lorenzo Lucchi
Capitolo terzo. Chi difende l’insegnante? Rischi, responsabilità e diritti, di Paolo Sceusa
Capitolo quarto. Il movimento del bambino e le ragioni dell’adulto, di Andrea Ceciliani

PARTE SECONDA. PROSPETTIVE

Capitolo quinto. Quando l’Outdoor education non si chiamava così, di Mirella D’Ascenzo
Capitolo sesto. Metodi “fuori soglia”, di Alessandro Bortolotti
Capitolo settimo. Formare educatori poliedrici: sei prospettive più una, di Michela Schenetti
Capitolo ottavo. Letteratura per l’infanzia e narrazioni naturali, di Marcella Terrusi

PARTE TERZA. ESPERIENZE

Capitolo nono. Il giardino di Agata, di Marco Guerra
Capitolo decimo. La “Scuola nel Bosco” al Parco di Villa Ghigi, di Paolo Donati
Capitolo undicesimo. Uscire dal nido: esperienze a Bologna, di Lorella Bertelli, Antonella Berveglieri, Simona Cenesi, Elena Iacucci, Sandra Menabue, Maria Rita Monari, Claudia Morisi, Soccorsa Persiano, Francesca Saltarelli e Beatrice Vitali
Capitolo dodicesimo. Bambini all’aperto: una ricerca, di Francesca Agostini

Postfazione. Una scelta di politica dell’educazione, di Marilena Pillati

Riferimenti bibliografici


Caratteristiche Tecniche:

Colore:  A colori

Formato:  17 x 24

Pagine:  128

Copertina:  Brossura

Info Tecniche e Commerciali

Presente nei cataloghi